Augusto pontefice massimo

12 Mar

Da oggi inizia il racconto dei cimeli del museo, attraverso le parole degli stagisti che lo stanno animando in questi giorni.  Si parte dalla testa di Augusto velato capite, che abbiamo scelto come avatar di questo blog.

Foro romano di Ancona

Gaio Giulio Cesare Ottaviano Augusto, fu il primo imperatore di Roma, nipote e figlio adottivo dell’assassinato Giulio Cesare. La testa di Augusto, in marmo bianco alta 38 cm è conservata nella sezione ellenistico – romana del museo; venne alla luce nel 1863 durante uno scavo effettuato al di sotto del palazzo Ferretti a 9 m di profondità. La testa riproduce il modello statuario dell’Augusto velato capite, che rappresenta l’imperatore nella sua veste di Pontifex maximus con la testa coperta da un lembo della toga. Questa carica gli dava il potere di ufficiare i sacrifici in nome di Giove e, quindi, oltre alla supremazia politica, gli conferiva anche quella religiosa.

augustoL’influenza del mondo greco è ben visibile nel volto di Augusto che è privo di ogni sorta di sentimento e presenta uno sguardo perso nel vuoto (accentuato anche dalla mancanza di pupille, elemento che sarà aggiunto solamente nel 2° secolo d.C.): questi elementi elevano la spiritualità della figura considerata al di sopra degli uomini e ricercano armonia ed equilibrio nelle forme; la presenza di forze interiori avrebbero portato ad uno scompaginamento della figura. Si pensa che la testa di Augusto sia stata realizzata in una bottega romana e poi inviata ad Ancona, in quanto era consuetudine dell’ epoca inviare l’immagine dell’imperatore nelle provincie come simbolica presenza della massima autorità romana durante gli eventi più importanti.

La statua fu realizzata certamente dopo il 12 a.C., anno in cui Augusto fu per la prima volta investito della carica di Pontifex maximus. Tuttavia alcuni caratteri del volto, che rappresentano l’imperatore in età matura, segnato da rughe naso-labiali piuttosto evidenti e con le guance un po’ incavate, orientano la datazione verso la fine del suo principato (14 d.C.).

Gianluca Mengarelli, Itis Volterra Elia

Annunci

2 Risposte to “Augusto pontefice massimo”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il primo anno del blog | Il blog del Museo Archeologico delle Marche - 6 marzo 2014

    […] tirocinanti hanno animato il blog anche con le loro passioni: Gianluca Mengarelli e Parsa Khameneh si sono cimentati con brevi ricerche sugli oggetti della collezione museale, […]

  2. Al Museo per le Giornate del FAI | Il blog del Museo Archeologico delle Marche - 19 marzo 2014

    […] nostra testa dell’imperatore “capite velato“, dopo aver dato sfoggio di sé alle Scuderie del Quirinale a Roma, al momento si trova a […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: